07/01/2013 Articolo 62: novità per il sistema agroalimentare

Le nuove regole dettate dall’art. 62 comma 1  del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito, con modificazioni  dalla legge 24 marzo 2012, n. 27 si applicano solo alle compravendite di prodotti agricoli e alimentari effettuate dallo scorso 24 ottobre 2012, mentre per le compravendite di prodotti agricoli e alimentari  effettuate prima del 24 ottobre 2012 valgono le stesse condizioni.  Pertanto non sono vincolanti i termini di trenta sessanta giorni. E’ bene ricordare che le cessioni si considerano effettuate al momento della consegna o spedizione del bene così come stabilito dall’art. 6 comma 1 , DPR n. 633/1972. Per la regolarizzazione dei contratti si ha tempo fino al 31 dicembre 2012.

I nuovi  termini dettati dall’art. 62 si applicano per i beni e i prodotti spediti oltre la data del 24 ottobre 2012. Ma cosa dice in sostanza l’art. 62 ? l’articolo 62 stabilisce tempi di pagamento più rapidi. La normativa prescrive che per le derrate deteriorabili il pagamento dovrà avvenire entro 30 giorni, mentre per quelle non deteriorabili o sfuse il termine sarà di sessanta giorni, dall’ultimo giorno del mese  di riferimento della fattura. L’art. 5 comma 4  del decreto precisa che: in mancanza di certezza circa la data di ricevimento della fattura, si assume, salvo prova contraria, che la medesima coincide con la data di consegna dei prodotti ai fini della decorrenza dei termini di cui alla’art. 62, comma 3 del decreto legge 24 gennaio 2012, n. 1 convertito con modificazioni, dalla  legge 24 marzo 2012, n. 27.

Dall’ articolo discendono due principi: prima di tutto che per poter fare decorrere il termine per gli interessi di  mora dal ricevimento della fattura è fondamentale poter dimostrare una certa data di riferimento della stessa ad esempio tramite la posta elettronica certificata (Pec), l’invio tramite raccomandata o attraverso il sistema EDI.

Nel caso in cui non fosse possibile fornire la data certa si assume, salvo prova contraria, che la medesima coincida con la data di consegna dei prodotti. Pertanto il termine di trenta o sessanta giorni decorrerà dall’ultimo giorno del mese in cui si verifica la consegna degli stessi.

Contattaci per conoscere la nostra soluzione>>