24/10/2012 Legge n. 27/2012, articolo 62: obbligo di contratti scritti e pagamenti entro 30 o 60 giorni per il settore agroalimentare

Legge n. 27/2012, articolo 62: obbligo di contratti scritti e pagamenti entro 30 o 60 giorni per il settore agroalimentare

La nuova legge in vigore dal 24 ottobre 2012, salvo possibili proroghe e/o ulteriori interventi normativi prevede importanti novità per le imprese che acquistano o vendono prodotti agroalimentari. In particolare viene imposto un termine legale inderogabile dalle parti per i pagamenti che sarà di 30 giorni per i prodotti deteriorabili e 60 per prodotti non deteriorabili, in entrambi i casi il termine decorrerà dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. Inoltre è stato introdotto l’obbligo di stipula in forma scritta per le transazioni agroalimentari. Si comunica che sono previste pesanti sanzioni e interessi di mora maggiorati per chi non seguisse tale normativa.

I SOGGETTI INTERESSATI: Con riferimento alle categorie da noi rappresentate la legge interessa: i dettaglianti alimentari, i pubblici esercizi, i grossisti alimentari e quelli di vini, bevande e liquori, i mercati ortofrutticoli, gli ambulanti, le enoteche, i distributori automatici, i panificatori, gli erboristi, i commercianti di prodotti per l’agricoltura, i macellai, i fioristi e i commercianti di mangimi, ecc.

TERMINI DI PAGAMENTO: L’art. 62 prevede un termine legale, inderogabile dalle parti, per i pagamenti di 30 giorni per le merci deteriorabili e 60 giorni per tutte le altre merci della filiera. I termini decorrono dall’ultimo giorno del mese di ricevimento della fattura. La data di ricevimento della fattura è validamente certificata solo nel caso di:
Consegna a mano della fattura;
Invio a mezzo di raccomandata A.R.;
Posta elettronica certificata (PEC);
Impiego del sistema EDI o altro mezzo equivalente, come previsto dalla vigente normativa fiscale.

In mancanza di una data certa di ricevimento della fattura, i termini decorreranno dalla data di consegna dei prodotti. Infine, viene specificato l’obbligo a carico del cedente di emettere fattura separata per cessioni di prodotti assoggettate a termini di pagamento differenti: ne consegue pertanto che i prodotti deteriorabili dovranno essere fatturati a parte rispetto a quelli non deteriorabili.
Particolare attenzione dovrà essere posta per le modalità di invio e ricevimento delle fatture.
In base alla nuova normativa diventa importante la data certa di ricevimento delle fatture. La posta elettronica certificata,  attesta la certezza della data di ricevimento.

Ifin Sistemi vi supporta con soluzioni ad hoc per gestire il flusso di fatture in ingresso ed in uscita, tramite canale PEC, completando il processo con la conservazione sostitutiva.

Contattaci per conoscere la nostra soluzione>>