SPID il sistema pubblico di Identità Digitale

Il Sistema Pubblico per l’Identità Digitale promosso da AgID permetterà a cittadini e imprese di accedere con un unico login a tutti i servizi online di pubbliche amministrazioni e imprese aderenti. Questo sistema nasce per facilitare la diffusione di servizi online e facilitarne l’utilizzazione da parte di cittadini e imprese, attraverso un ambiente sicuro, efficace ed economico. Lo SPID prevede la partecipazione di numerosi attori: gestori dell’identità digitale (o Identity Provider);     fornitori di servizi (o Service Provider); l’utente stesso; l’Agenzia per   l’Italia Digitale; gli  Attribute provider ( i gestori di attributi qualificati) e le PA.

Le pubbliche amministrazioni, in qualità di fornitori di servizi, devono aderire allo SPID entro i ventiquattro mesi successivi all’accreditamento del primo gestore dell’identità digitale (art.14 DPCM 24 ottobre 2014-definizione delle caratteristiche del sistema pubblico per la gestione dell’identità digitale di cittadini e imprese). Il 21 dicembre 2015 i primi tre gestori di identità digitale si sono accreditati (Infocert, Poste italiane, TI Trust Technologies S.r.l e Sielte), quindi per le PA tale scadenza è prevista entro il 21 dicembre 2017.

Attualmente, dai dati pubblicati sul sito AgID, le amministrazioni attive sono 3719; gli identity provider accreditati sono 4; i servizi disponibili tramite SPID ammontano a 4215; e le identità SPID erogate sono 122.136.

Tra i numerosi servizi disponibili tramite SPID, si ricordano quelli dell’Agenzia delle Entrate (dichiarazione precompilata; le fatture e i corrispettivi); quelli previsti nelle università (immatricolazioni, bollettini, prenotazioni esami, certificati ecc.) di cui i primi esempi sono stati l’università La Sapienza e il Politecnico di Milano; mentre per quanto riguarda le amministrazioni pubbliche i servizi saranno molteplici (il pagamento della Tasi, il bollo auto, le prestazioni sanitarie, il fascicolo dell’Inps, il riscatto della laurea, la richiesta degli assegni familiari, la consultazione Cud, il saldo dei tributi regionali, al pagamento delle mensa scolastica e ticket sanitari via web ecc.). Una sola password e un solo username permetteranno reali servizi per tutti e miglioreranno i legami dei cittadini con la PA e con le imprese.