La Fattura elettronica europea: prossima scadenza aprile 2020

Da quando scatta l’obbligo

L’obbligo della fattura elettronica esce dal confine nazionale dal prossimo aprile 2020 coinvolgendo le amministrazioni pubbliche europee.

La Direttiva 2014/55/UE “Fatturazione elettronica negli appalti pubblici” garantisce un grado perfetto di interoperabilità semantica e migliora la certezza del diritto tra fatture di stati diversi. I benefici della fatturazione elettronica europea sono massimizzati allorché le fatture sono generate, inviate, trasmesse, ricevute ed elaborate in modo completamente automatizzato.  La fattura elettronica Peppol crea vantaggi significativi in termini di risparmi, impatto ambientale e riduzione degli oneri amministrativi.

Cos’è Peppol?

Il significato Peppol è Pan-European Public Procurement On-Line ovvero un insieme di elementi infrastrutturali e di specifiche tecniche promosse dalla Commissione Europea che rendono possibile l’interoperabilità tra i vari sistemi di e-procurement, a livello transfrontaliero.  L’obbligo della diffusione della rete Peppol è entrato in vigore per le stazioni appaltanti delle amministrazioni centrali europee dal 18 aprile 2019 e si estenderà alle amministrazioni locali entro il 18 aprile 2020.

In Italia le specifiche tecniche si basano sul formato XML UBL definite da OpenPeppol promossa in Italia da AgID (Agenzia per l’Italia Digitale), in qualità di Authority Peppol nazionale.

A livello nazionale le specifiche Peppol sono state prese come riferimento nell’implementazione del sistema Nodo Smistamento Ordini (NSO) delle amministrazioni pubbliche, previsto dalla legge di bilancio 2018.

European Invoice Channel: la Soluzione

European Invoice Channel®, è la nuova soluzione proposta da IFIN Sistemi, totalmente web, che integra le funzionalità già disponibili nel collaudato Invoice Channel, con la gestione delle fatture elettroniche nel nuovo formato UBL-XML previsto dallo standard PEPPOL.

European Invoice Channel®, si occupa, oltre che di inviare le fatture nel nuovo formato europeo UBL-XML Invoice aggiungendo, ai mezzi trasmissivi, anche il proprio Access Point PEPPOL, di tradurre le fatture elettroniche a partire dal formato FatturaPA, riducendo al minimo gli oneri di adeguamento dei gestionali per i clienti finali.

Le facilitazioni previste per i nostri clienti rimangono tali anche con la nuova tipologia di documenti, e quindi rimarranno disponibili le funzionalità di creazione della fattura da interfaccia web o di conversione da tracciati custom.

Anche la componente di ricezione delle fatture viene adeguata alla gestione dei nuovi tracciati, con la possibilità di scaricare i documenti sia in formato nativo sia in formato PDF.

RICHIEDI IL WHITE PAPER SULLA FATTURAZIONE ELETTRONICA EUROPEA

2 + 2 = ?