29 Marzo 2019: Aggiornamento delle specifiche tecniche per la fatturazione elettronica

Con un nuovo comunicato del 29 marzo scorso, l’Agenzia delle Entrate ha fatto sapere ai soggetti interessati al processo di fatturazione elettronica B2B, che sono state apportate delle modifiche alle specifiche tecniche allegate al provvedimento n°89757 del 30 aprile 2018. Con l’occasione, l’Agenzia fa sapere che le modifiche introdotte con la versione 1.4 saranno efficaci dal prossimo 8 aprile anziché dal 4 aprile, come precedentemente dichiarato.

Per quanto riguarda le modifiche apportate:

  • Sono state chiarite le conseguenze del superamento della dimensione massima per supporti SFTP (in caso di files maggiori di 150 megabyte, tali files verranno rinominati, non saranno prelevati e verrà inviata una segnalazione via email all’indirizzo del referente tecnico del sottoscrittore contenuto nella richiesta di accreditamento);
  • È stato esplicitato l’invio dell’ER (il riscontro della ricezione è costituito da un file di esito: supporto “EO”, in caso la trasmissione superi la verifica di sicurezza, o “ER”, in caso la verifica di sicurezza non sia superata);
  • Sono state esplicitate le conseguenze del fallimento della consegna PEC e WS (il SdI considera fallita la trasmissione, invia una ricevuta di impossibilità di recapito e mette la fattura a disposizione nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente);
  • È stata esplicitata la modalità di consegna fattura con il canale SdiFTP (il Sistema effettua fino ad un massimo di 3 tentativi di trasmissione, uno ogni 4 ore, al termine dei quali il SdI considera fallita la trasmissione, invia una ricevuta di impossibilità di recapito e mette la fattura a disposizione nell’area autenticata dei servizi telematici del cessionario/committente);
  • È stato esplicitato il momento a partire dal quale la fattura si considera consegnata allo Sdi, ai fini della determinazione dei giorni entro i quali deve essere inviata l’eventuale ricevuta di scarto;
  • È stata eliminata la segnalazione via email, nel caso di mancato rispetto della regola sul controllo della eccessiva parcellizzazione dei supporti SFTP.

Inoltre, nello stesso comunicato, l’Agenzia segnala che è stato aggiornato il documento “Istruzioni per il servizio SDIFTP (versione 4.4.1)”, ovvero, quel documento che descrive le specifiche tecniche relative all’interazione con il Sistema di Interscambio per la Fatturazione Elettronica tramite protocollo SFTP per lo scambio “massivo” di documenti. Per entrare nel dettaglio, l’Agenzia fa sapere che:

  • È stato introdotto file di scarto (tipo ER) per fallimento controlli di firma e/o decifratura (pag.16);
  • Il file di esito (EO) non viene più firmato né cifrato e al termine della trasmissione, viene rinominato (pag.16);
  • È stata introdotta la descrizione dei report giornalieri di quadratura trasmessi relativi ai supporti FI-EO e FO (File in uscita dal SdI): il SdI produce giornalmente due report di quadratura delle trasmissioni effettuate. Uno per le trasmissioni relative ai file di tipo EO o ER e dei relativi file FI (File in ingresso al SdI) e uno per il file di tipo FO (pag.23);
  • Integrata la sezione delle regole sul prelevamento dei supporti (par 3.1.2, pag.11).