Fattura Elettronica B2B: servizi di pre-registrazione dell’indirizzo telematico e di generazione del QR Code

Con un comunicato diramato lo scorso 14 giugno, l’Agenzia delle Entrate dà alcuni aggiornamenti in riferimento alla fatturazione elettronica B2B. Le ultime novità riguardano i servizi di pre-registrazione dell’indirizzo telematico e di generazione del QR Code.

Il servizio di registrazione dell’indirizzo telematico

Dopo aver generato la fattura elettronica, i fornitori devono inviare il file all’Agenzia delle Entrate tramite il Sistema di interscambio (SDI). Una volta verificato che la fattura contiene i dati obbligatori, il sistema, la recapita al destinatario. Grazie al servizio di pre-registrazione, le imprese e i professionisti possono comunicare l’indirizzo telematico su cui ricevere tutte le loro fatture elettroniche. Per effettuare questa scelta basta entrare, personalmente o tramite un intermediario delegato, nell’apposito servizio online, all’interno del portale “Fatture e corrispettivi”. L’indirizzo telematico può essere, in qualsiasi momento, modificato o cancellato dall’utente registrato.

Il servizio di generazione del codice Qr

Per facilitare la predisposizione e l’invio delle fatture elettroniche tramite SDI, l’Agenzia rende disponibile un altro servizio, che permette ai contribuenti titolari di partita IVA di concepire un codice a barre bidimensionale da mostrare al fornitore tramite smartphone, tablet o su carta. Con il codice QR, il fornitore, al momento della predisposizione della fattura, potrà acquisire in automatico i dati del cliente compreso l’indirizzo prescelto per il recapito. Per creare il proprio QR-Code basta entrare nel portale “Fatture e Corrispettivi” o collegarsi al proprio cassetto fiscale. Il codice può essere generato, su delega del contribuente, anche da un intermediario; e può essere salvato in formato pdf e stampato o memorizzato sul proprio cellulare. I dati anagrafici IVA presenti nel QR-Code sono quelli validi al momento della sua generazione: in caso di modifica del numero di partita Iva o dei dati anagrafici è importante distruggere il vecchio QR-Code e generarne uno nuovo.